Tu e io sempre insieme per merito di quella che io chiamo arte parapsicologica.

 

Caro ulivo mio,
questa notte, non so perché, ma ti ho pensato. Ho passato trent’anni vicino a te. Ti ricordi quando avevo otto anni e in groppa alla mia unica pecorella mi aggrappavo a te per alleggerire la fatica di quella poveraccia che, ansimando, risaliva verso l’ovile di casa nostra?
Trent’anni insieme!
Allora non sapevo che tra noi ci fosse quello che oggi so e che si chiama “sintonia”.
Ma tu ormai sei vecchio ed io non più giovane. Sai cosa ho pensato? Ti farò morire gloriosamente. Ci pensi? Tu, povero ulivo, amico mio!
Sono tornato vicino a te molte volte ma non ti ho mai pensato. Ormai la nonna morta, papà pure lui, e tu che te ne stai lì ad aspettare con poche foglioline su in cima.
Chi ti darà più il letame, il concime e l’acqua di rame? Mah! Ormai non ti serve più. Ho deciso!
Forse ti porterò alla Biennale di Venezia. Ci Pensi? Prima ti dipingerò di bianco, il colore delle nostre estati, poi di giallo, il colore delle nostre primavere e di rosso, il colore dei nostri autunni ed infine di azzurro, il colore dei nostri inverni e del nostro mare.
Ci pensi? Noi due, ma non più soli.
Io che ti scavo, ti levo dalla terra e tutti noi che ti portiamo su tra la gente incuriosita dei Colli. Ti carichiamo su un camion e ti fotografiamo, ti riprendiamo con il filmino e la televisione.
Poi il lungo viaggio da Pescara a Venezia, e, lì, te ne starai con tutte le tue radici ed il corpo inchiodato ad un punteruolo conficcato nel tronco. Tutti ti vedranno con il tuo ultimo colore azzurro e non capiranno se non leggeranno questa lettera.
Allora forse qualcuno piangerà.
E se non andremo alla Biennale? Non fa nulla.
Dopo la Biennale ti porterò in una galleria e se anche questa non ti vorrà, ti porterò nella vecchia casa mia, dove tanti altri ulivi amici nostri, sono finiti in mezzo al fuoco.
Così qualcuno saprà che per merito di quella che io chiamo arte parapsicologica, tu ed io vivremo ancora insieme.

Pescara li 20 Giugno 1976

Luigi Baldacci

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *